Spreco di cibo mondiale: un’area pari a dieci volte Manhattan

Ogni anno nel mondo si buttano via circa 1,6 miliardi di tonnellate di cibo, per un valore di 1.200 miliardi di dollari. È un terzo della produzione globale: se accumulato, quanto finisce nella spazzatura occuperebbe un’area dieci volte più grande di Manhattan.

Bnwt redingote Grigio lana S Zara Taglia Revers risvoltato 100 Marl

Come se non bastasse, nonostante le Nazioni Unite abbiano fissato l’obiettivo di dimezzare lo spreco entro il 2030, le stime avanzate da The Boston Consulting Group nel report “Tackling the 1,6 Billion Ton Food Loss and Waste Crisis” forniscono un quadro ancora più cupo: il dato è in crescita e, se non ci saranno interventi decisi, tra 12 anni si butteranno 2,1 miliardi di tonnellate di cibo, per un valore di 1,5 bilioni di dollari. Tra le conseguenze vanno annoverati danni all’atmosfera (il cibo non consumato è responsabile dell’8% delle emissioni globali di gas serra) e ritardi nella soluzione del problema della fame, che tuttora riguarda 870 milioni di persone.

Il report di BCG evidenzia che gli sprechi avvengono durante tutte le fasi della filiera, anche se principalmente in quella iniziale (la produzione) e in quella finale (il consumo): i Paesi emergenti sprecano soprattutto nella prima fase, a causa di carenze nelle tecniche produttive e di raccolto, oltre a ritardi nelle infrastrutture per il trasporto; i Paesi avanzati, al contrario, sprecano nella fase finale. L’eccesso di offerta, l’utilizzo di forme di packaging inadatte, la scarsa consapevolezza del consumatore (un esempio: privilegiare i prodotti freschi rispetto a quelli surgelati provoca un aumento dei costi e degli sprechi) e campagne promozionali sbagliate moltiplicano il volume degli scarti. Risulta evidente che, per tentare una soluzione, è necessario coinvolgere tutti gli attori interessati: le aziende produttrici e di trasporto, i rivenditori, i consumatori e i governi dei Paesi.

Il report individua cinque fattori (o cause) principali dello spreco di cibo: oltre ai due già citati (infrastrutture inadeguate e poca consapevolezza di aziende e consumatori), una mentalità aziendale che privilegia altri parametri di performance del processo produttivo (i costi e l’efficienza, ma non lo spreco alimentare), la poca collaborazione tra gli interessati e le regolamentazioni insufficienti. I sintomi di una malattia sempre più grave.

In teoria il rimedio ci sarebbe. Esistono almeno 13 iniziative individuate da BCG tra le best practice di aziende della filiera che fanno uso di tecnologie esistenti: se applicate a livello globale consentirebbero di abbattere lo spreco (e i costi) per almeno 700 miliardi di dollari ogni anno, andando incontro agli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Onu. A livello produttivo, per esempio, è possibile intervenire sulle tecniche per il raccolto. Lo fanno dal 2005 associazioni di aziende come Croplife International, che sviluppa nuove tecnologie agricole (in particolare pesticidi e agritech) stipulando accordi con i produttori locali. Allo stesso modo si può investire nel miglioramento dell’infrastruttura della catena del freddo: il gruppo di shipping Maersk ha introdotto sistemi di monitoraggio da remoto per i suoi container refrigerati, con cui contrasta e previene i cali di temperatura e gli imprevisti nel trasporto, anche riorganizzando gli ordini.

Marrone Unica Italia 36 Taglia Abbino 40 Giacca 38 Stile Scialle Maglione Z4wP5Oq1

La supply chain stessa dovrà subire cambiamenti profondi. Le aziende, anche a costo di modificare la composizione finale dei prodotti, potranno privilegiare gli ingredienti rinvenibili a livello locale – operazione che implica meno trasporti, meno costi e meno scarti. È una scelta già adottata da Pepsi.Co, che preferisce rivolgersi a fonti di produzione locali. Se non ci sono, saranno necessari nuovi investimenti per incoraggiarle.Revers lana redingote S Marl Taglia risvoltato Grigio Bnwt Zara 100

In questa nuova logica, le aziende saranno chiamate a introdurre lo spreco tra le nuove valutazioni della performance del processo produttivo, non più limitate ai costi e all’efficienza. Le tre questioni, del resto, sono collegate: Tetra Pak, riducendo le perdite dei prodotti del 30%, ha anche abbattuto i costi operativi (-50%) e i consumi di acqua ed energia (-35%). Se poi si introducessero logiche di economia circolare nel processo produttivo (ad esempio, destinando gli scarti alla produzione di mangimi, cosmetici o biocarburanti) si svilupperebbero anche redditizie attività laterali. A livello legislativo servono standard industriali per le etichette (“prima di”, “consumare entro”) e aiuti fiscali per le aziende virtuose.

Come si vede, sono le aziende il soggetto chiamato a sostenere l’onere del cambiamento e, anzi, a promuoverlo. E sono le stesse aziende che ne trarrebbero i maggiori guadagni: oltre a minimizzare sprechi e costi, allargherebbero il parco di partner e collaboratori. E migliorerebbero la propria immagine.

ARTICOLI CORRELATIDello stesso autore

Burger King chiude il 2018 a 191 (locali)

Il settore delle donne che pratica sport genera un mercato di alto potenziale

Nuovo impianto di cogenerazione per Trentingrana

LASCIA UN COMMENTO Cancella la risposta

Abiti per Borgogna corti donne le fxqBEdpwq
Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome
L'indirizzo email non è corretto
Inserisci il tuo indirizzo email